Evaporatori nella lavorazione dei metalli

Se volete che la vostra produzione sia a scarico zero o con scarico in fogna, la tecnologia di evaporazione è quella più adatta. Con i nostri evaporatori potrete recuperare fino ad un 98% di distillato riutilizzabile. La qualità del distillato è solitamente così alta che si può scaricare direttamente nella fogna o reinserire nel processo produttivo. 

Pressofusione

Nella pressofusione di zinco e alluminio vengono utilizzati liquidi distaccanti solubili, per rendere più comoda la separazione delle parti fuse dal loro stampo e per il raffreddamento dello stesso. Normalmente si utilizza questo distaccante in una percentuale del 2% diluito in acqua e per ogni processo di pressofusione si originano reflui contenenti questo tipo di sostanze.Quest'acqua e il liquido idraulico proveniente da perdite vengono raccolti e stoccati sotto le presse. In alternativa, questi fluidi possono essere smaltiti dalla fonderia a costi molto elevati, come rifiuti speciali o, utilizzando una tecnologia adeguata di trattamento, possono essere purificati per poi essere scaricati nella rete fognairia.

Depurazione del refluo

Il refluo prodotto viene raccolto all'interno di un serbatoio, sufficientemente capiente, per la raccolta delle acqua da trattare, posto a monte. Per separare le sostanze oleose galleggianti e i fanghi di deposito, il refluo viene fatto passare attraverso un separatore di oli e fanghi, che si trova a monte dell'evaporatore. La sostanza acquosa viene successivamente trattata con un evaporatore Cleanwater PROWADEST® 300/1 della KMU LOFT. Con l'evaporazione del refluo si crea una concentrazione delle sostanze inquinanti, fino a che non si raggiunge una quantità minima di concentrato. Il vapore che si genera con questo processo viene purificato attraverso un sistema di separazione a più strati, prima di essere compresso dalla pompa. Con il vapore compresso l'acqua presente all'interno dello scambiatore di calore viene mantenuta alla temperatura d'esercizio. Il vapore si condensa grazie al rilascio calorico. La condensa fluisce dall'impianto, in forma di distillato. Per separare le sostanze oleose in sospensione (si generano da reflui volatili) nel distillato, viene utilizzato un separatore d'olio a coalescenza situato a valle del trattamento dello stesso. Il distillato così prodotto viene riutilizzato per il raffreddamento degli impianti nel ricircolo dell'acqua di raffreddamento accessorio. Il quantitativo di concentrato residuo pari a circa un 3-4 % viene smaltito esternamente.

Dati utente
  1. Reflui con distaccanti
  2. Evaporatore sottovuoto PROWADEST®300/1
  3. Volume acqua trattata quotidianamente 6 m³
  4. Risparmio annuo stimato in € 80.000
  5. Il vantaggio ecologico è una produzione pressoché priva di reflui


Volete saperne di più sui nostri evaporatori sotto vuoto?